top of page
Cerca

Piano d'Azione ESIA 2024

Le 10 azioni chiave per sostenere la catena del valore industriale del solare fotovoltaico


CONTESTO


L’Alleanza europea dell’industria solare fotovoltaica (ESIA) è stata fondata nel 2022 con l’obiettivo di creare le giuste condizioni per investire in capacità di produzione fotovoltaica su larga scala in Europa, mirando al reshoring di 30 GW di capacità produttiva domestica lungo tutta la catena del valore entro il 2025 (in linea con "RepowerEU", la strategia dell’UE per l’energia solare, la legislazione sulle materie prime critiche e la legislazione sull’industria Net-Zero).

Nonostante il diffuso riconoscimento del settore fotovoltaico come strategico per l’Europa, il 2023 è stato comunque un anno molto difficile per l’industria europea. Il crollo dei prezzi dei moduli fotovoltaici, l'accumulo di scorte di moduli, prezzi elevati dell’elettricità e la percepita mancanza di impegno a fornire un sostegno urgente all'industria europea hanno scaturito un impatto notevole sulla fiducia degli investitori. Conseguentemente, alcune delle esistenti aziende manifatturiere in Europa hanno annunciato la cessazione delle loro attività mentre quelle rimaste in piedi e/o nascenti hanno bisogno di azioni urgenti di sostegno. Il segmento più colpito della catena del valore -dove l'Europa resta meno competitiva- è sia nella produzione di lingotti che di wafer: un'industria metallurgica

ad elevata intensità energetica che resta comunque molto strategica per il settore fotovoltaico. 

L'ESIA monitora una pipeline di progetti che hanno l'ambizione di raggiungere la scala industriale in Europa (con la maggior parte dei segmenti della catena del valore rappresentata, compresi wafer, celle e moduli nonché il riciclo/smaltimento).

In questo contesto impegnativo e con l’obiettivo di accelerare e ridurre i rischi degli investimenti nel settore minerario e nelle nuove iniziative industriali, l’Alleanza ha intrapreso un’analisi dell’industria fotovoltaica europea guidata dai suoi membri attraverso quattro gruppi di lavoro focalizzati su a) Finanza, b) Supply Chain, c) Politiche dal lato della domanda e d)  Competenze. In particolare, l'Alleanza ha elaborato un'analisi dettagliata del divario di costo tra la produzione europea e quella cinese mediante i dati raccolti dai propri membri e dei modelli di prezzo proprietari delle aziende. I risultati -che hanno confermato un significativo divario di costo tra prodotti cinesi ed europei- sono disponibili nel documento qui (https://solaralliance.eu/wp-content/uploads/2024/04/ESIA-Action-Plan-2024.pdf), presentato nel dicembre 2023 al Commissario Thierry Breton e ai ministri competenti degli Stati membri.


PRIORITÀ PER IL 2024


L’Alleanza ha presentato dieci azioni chiave per sostenere il reshoring del settore. È urgente e fondamentale, se vogliamo realizzare la nostra ambizione industriale, sostenere l'aumento della produzione europea e livellare il campo di gioco con i giocatori non europei. Non ci sarà alcun Business case per la produzione fotovoltaica in Europa senza uno sforzo mirato e coordinato che riunisca l’industria, europea, la Commissione, gli Stati membri ed investitori privati o pubblici (come la Banca europea per gli investimenti -BEI).

L’Alleanza ha quindi lavorato sulle seguenti azioni concrete -raccomandate ai decisori politici nel 2023- per colmare tale divario di costi e consentire ai produttori europei di essere competitivi nel mercato europeo. 

La Figura 1 di seguito illustra l'impatto stimato di queste azioni sulla copertura dei costi


Sostegno temporaneo per riqualificare il settore


Per essere competitivo, il settore manifatturiero europeo deve espandersi in modo significativo, in modo da raggiungere sufficienti economie di scala. Per garantire velocità e portata adeguate a questo processo e ridurre i rischi dei progetti, il sostegno finanziario temporaneo dovrebbe essere fornito attraverso strumenti europei e nazionali (utilizzando preferibilmente strumenti/fondi già esistenti perchè capaci, per quanto possibile, di garantire un rapido delivery). Questo sostegno finanziario dovrebbe consistere in un mix intelligente del supporto CAPEX e OPEX. Si stima -per raggiungere i target dell’ESIA- un totale di 18-24 miliardi di euro in sostegno CAPEX e un importo annuale di 4-6 miliardi di euro di sostegno OPEX.


Azione 1: attuare il quadro temporaneo di crisi e transizione (TCTF) per gli aiuti di Stato negli Stati membri e valutare la necessità che la Commissione europea adatti le condizioni e le proroghi fino al 2027 in considerazione della "maturità" della catena del valore del fotovoltaico.


Azione 2: sostegno privilegiato ai progetti di produzione fotovoltaica nell'utilizzo delle entrate degli Stati membri del sistema ETS ogni anno dal 2024 al 2034. Le entrate derivanti dal sistema ETS per gli Stati membri ammontavano a 30 miliardi di euro nel 2022, alimentando i bilanci nazionali per investimenti in energie rinnovabili, in miglioramenti dell’efficienza energetica ed in tecnologie a basse emissioni di carbonio.

Azione 3: stanziare 1 miliardo di euro dal Fondo europeo per l’innovazione per sostenere -con supporto CAPEX ed OPEX- una capacità equivalente a 20 GW di produzione fotovoltaica e premiare i migliori risultati in termini di sostenibilità e contenuti locali.

Azione 4: Formulare un partenariato BEI-ESIA per attivare investimenti di 15 miliardi di euro nella produzione fotovoltaica entro il 2027.


Azione 5: Istituire una "Accademia Solare Europea" per formare 100.000 lavoratori entro la fine del 2025 a supporto della catena del valore del fotovoltaico. L'Alleanza incoraggia fortemente l'Unione Europea ad approntare rapidamente programmi adeguati di formazione poiché prevediamo che la disponibilità di forza lavoro qualificata diventerà un collo di bottiglia già nel breve e medio termine.

Azione 6: Dedicare finanziamenti pubblici ai programmi di formazione. L'Alleanza stima che ci siano 400.000 posti di lavoro (diretti e indiretti) potrebbero essere creati dal reshoring del settore. Molte di queste nuove posizioni richiedono il miglioramento e la riqualificazione dei lavoratori per la catena del valore del fotovoltaico. A tal fine, si propone di dedicare l'1% del Il bilancio del Fondo sociale europeo (FSE+).


Sfruttare il valore del marchio “Made in Europe”.


Garantire l'acquirente delle produzioni industriali europee è fondamentale per attrarre gli investitori. 

Capitalizzare il marchio "made in Europe" (per il quale si ritiene che valga la pena pagare un piccolo premio) dei moduli fotovoltaici prodotti in Europa dovrebbero essere incoraggiato e agevolato dalla Commissione Europea e dagli stessi Stati membri della UE.

Azione 7: Promuovere l'attuazione delle azioni proposte nella "Carta del Solare", (sulla base della recente "Carta eolica" europea) per incoraggiare e tenere traccia degli impegni volontari da parte del settore privato e pubblico riguardo agli acquisti di moduli PV di fabbricazione europea per un volume aggregato di 30 GW all'anno fino al 2030.


Implementazione di condizioni non tariffarie per garantire condizioni di parità


Le attuali condizioni di mercato non facilitano una concorrenza leale tra i produttori del fotovoltaico europeo e quelli extraeuropei. Senza condizioni di parità non vi sarà alcun solido business case per i progetti europei (siano essi guidati da attori europei o extraeuropei), nessun incentivo per gli investitori e, quindi, nessuna possibilità per rilanciare il settore fotovoltaico domestico. È quindi fondamentale correggere questa situazione. Mettere la sostenibilità, la tracciabilità e la circolarità al centro del mercato interno è il modo migliore per premiare i migliori risultati sostenibili (ovunque avviene la produzione), rafforzando al tempo stesso il vantaggio competitivo dei produttori europei. Questo inizia con la definizione ed implementazione di elevati standard ambientali e sociali imposti per i prodotti fotovoltaici offerti sul mercato Sfrutta il valore del marchio “Made in Europe”.

Garantire il prelievo per il gasdotto dei progetti industriali europei è fondamentale per attrarre gli investitori. Capitalizzare il marchio "made in Europe" per il quale alcuni acquirenti ritengono valga la pena pagare un piccolo premio.

I moduli fotovoltaici prodotti in Europa dovrebbero essere incoraggiati e agevolati dalla Commissione Europea e dall’Unione Europea Stati membri.


Azione 8: implementare rigorosi standard di sostenibilità attraverso requisiti di progettazione ecocompatibile. Elevati standard ambientali consentiranno all’UE di escludere i prodotti più dannosi, ridurre le emissioni di carbonio e

l’impronta materiale della catena del valore del fotovoltaico a livello globale, preservando in tal modo la fiducia dei consumatori finali.

Azione 9: Definire ed attuare criteri ambiziosi di sostenibilità e criteri di resilienza nel settore degli appalti pubblici e delle aste, come richiesto dal "Net-Zero Industry Act" (ed esplorare modalità per la sua rapida implementazione, in linea con le azioni previste dalla "Solar Charter").

Azione 10: promuovere un’iniziativa guidata dall’industria europea per sviluppare un "passaporto PV" (un passaporto di prodotto digitale) per migliorare la trasparenza e la tracciabilità dei prodotti fotovoltaici immessi nel mercato europeo.







コメント


bottom of page